Concessionario Ministeriale per il Tribunale di Forlì. Iscrizione elenco Ministero della Giustizia P.D.G. del 21 Novembre 2012
IT

Macchina pulitrice 350 Floor


Offerta libera



Data e ora inizio gara: 12/10/2019 08:30

Data e ora fine gara: 22/10/2019 12:30

Tipo di vendita: A mezzo commissionario

Procedura: R.G.E. 148/2019

In vendita

Tipo Procedura R.G.E.
Numero Procedura 148/2019
Numero IVG 18/2019
Tipo vendita A mezzo commissionario
Modalità vendita Gara a tempo
Offerta libera
Rilancio minimo € 10,00
Iva aggiudicazione 22.00%
Diritto Asta 9.00% + IVA 22%
Cauzione € 50,00
Rilancio € 10,00
Tribunale Tribunale di FORLI'

Maggiori dettagli sulla vendita online

Data e ora inizio iscrizione 12/10/2019 08:30
Termine iscrizione con carta di credito 22/10/2019 11:30
Termine iscrizione con assegno circolare 22/10/2019 11:30
Data e ora inizio gara 12/10/2019 08:30
Data e ora fine gara 22/10/2019 12:30
Prolungamento asta 3 minuti

Soggetti

Controparte Istituzionale
Nome Tribunale di Forli

Ultimo aggiornamento 10/10/2019 12:08

Scheda pubblicata sul sito IVG il 10/10/2019 00:00

Contatta IVG
Logo

Forlì e Cesena
Concessionario Ministeriale per il Tribunale di Forlì. Iscrizione elenco Ministero della Giustizia P.D.G. del 21 Novembre 2012


IVG: Forlì e Cesena
Indirizzo: Via A. Vivaldi n. 11/13
Cap: 47121 - Provincia: FC
Città: FORLI
Rif bene: R.G.E. 148/2019
Titolo: Macchina pulitrice 350 Floor
Stampa Scheda

Dettaglio Lotto

Genere MOBILI
Categoria MACCHINARI-UTENSILI-MATERIE PRIME
Titolo Macchina pulitrice 350 Floor
Abstract

Macchina pulitrice 350 Floor

Dettaglio Beni

Indirizzo Via Vivaldi, 11/13
47122 FORLI' (FC)
Tipologia MACCHINARI-UTENSILI-MATERIE PRIME
Categoria MERCI VARIE NON DEPERIBILI
Descrizione

Macchina pulitrice 350 Floor

Modalità partecipazione
*COME PARTECIPARE:* Per partecipare all'asta basta presentarsi il giorno prestabilito pubblicato nel bando di asta. *CHI PUO' PARTECIPARE:* Ogni persona, giuridicamente capace, puo’ concorrere all’asta, ad eccezione di quelle indicate nell’art. 1471 c.c. Il divieto di cui all’art. 1471, n.2° c.c., colpisce tutti coloro i quali, nell’esercizio di una pubblica funzione, prendono parte alla procedura relativa al trasferimento coattivo di un bene da un soggetto ad un altro.